Come eliminare la plastica in ufficio, dalle bottiglie d’acqua alle forchette

bicchierini di plastica e scritta bye bye evil

Rendere la propria azienda plastic free è una preoccupazione, vista spesso come il tentativo di appuntare una spilletta sul petto dell’imprenditore di turno, “fissato” con l’ecologia o intenzionato, per motivi commerciali, a far vedere quanto la sua azienda sia virtuosa. Il movente ecologico e quello utilitaristico, tuttavia, non solo semplificano troppo la questione, ma non sono nemmeno alternativi: Essi convivono felicemente.

I danni causati dalla plastica, infatti, sono reali e ampiamente documentati dalla letteratura scientifica. Allo stesso tempo, gli esperti del marketing hanno più volte dimostrato quanto la responsabilità sociale delle aziende sia premiante in termini commerciali. Non è una caso che grandi aziende quali Enel, Sky, Adidas e Montenegro si siano spese (e abbiano speso) per comunicare lo status di aziende plastic free. Vediamo dunque le poche mosse fondamentali per liberare le imprese dalla plastica.

Eliminare le bottiglie di plastica

Il nodo fondamentale di qualsiasi politica che liberi dalla plastica, è proprio il rifornimento dell’acqua potabile. Infatti, l’incidenza delle bottiglie di plastica sulla produzione complessiva di questo polimero è molto elevato, soprattutto se si prende in considerazione il dato preoccupante che vede l’Italia essere il secondo paese al mondo (dopo il Messico) per ricorso all’acqua in bottiglia. Secondo i sorprendenti dati sul consumo d’acqua diffusi dall’Istat, il 62,8% degli italiani acquista più di un litro d’acqua minerale al giorno.

Una contromossa su cui le aziende potrebbero investire, senza spendere troppo (2-10 euro a unità), è la personalizzazione delle borracce in acciaio e alluminio. In questo modo le aziende possono distribuire ai propri dipendenti (ed eventualmente ai clienti) borracce con il proprio logo e/o con una bella frase “motivazionale”.

L’acqua che vuoi con i tuoi depuratori

Esistono diverse soluzioni per rifornire l’ufficio di acqua potabile. Meglio di costringere i dipendenti ad acquistare le bottiglie d’acqua ci sono, in ordine crescente per ecologia e funzionalità, i classici boccioni, le colonnine e i depuratori sottobanco, i quali rappresentano la soluzione migliore in termini di estetica e ingombro. La possibilità di rendere “invisibile” il depuratore, l’assenza totale della plastica e la possibilità di personalizzare l’acqua a piacere del dipendente (fredda, a temperatura ambiente, liscia o frizzante) rendono questo dispositivo il migliore in termini ecologici, economici e di funzionalità.

Utensili e non solo…

Le pause pranzo e caffè scandiscono i riposi del lavoratore. È importante che anche in questi momenti il dipendente veda confermato l’impegno dell’azienda a un’impronta ecologica del lavoro. Ciò conferma la serietà dell’impresa di cui è parte e alimenta un atteggiamento “etico” ben oltre la pausa pranzo. Tazzine e posate, non monouso, possono essere fornite dall’azienda. Un’utile alternativa potrebbe essere – come visto sopra per l’acqua e le borracce – donare ai dipendenti set di posate, graziosamente raccolte in astucci brandizzati. Il caffè, invece, dovrebbe essere disponibile in cialde e non in capsule, dato che le prime sono compostabili, mentre le seconde sono destinate all’indifferenziato. E come fare per tutto il packaging alimentare proveniente dall’esterno?

Raccolta differenziata

La semplicità e la chiarezza nella raccolta differenziata sono il requisito necessario, non solo all’eliminazione della plastica, ma a qualsiasi intento ecologico. Vanno bene depuratori d’acqua e borracce, ma è tutto vano se non si affronta il nodo di “dove-buttare-cosa”. È importante che cestini e bidoni per la differenziata siano diffusamente disponibili, sia in prossimità della postazione di lavoro, che nelle aree comuni. È inoltre essenziale che i dipendenti siano informati sulla destinazione dei singoli rifiuti, poiché le fattispecie sono tante e la confusione potenziale è tanta. In luoghi strategici, dunque, bisognerebbe apporre anche la lista dei rifiuti più comuni, di quelli più problematici e il relativo cassonetto di destinazione.

In conclusione…

Abbiamo detto in apertura che il vantaggio di un’azienda plastic free è sia ideale che materiale, poiché agisce favorevolmente sia sull’ambiente che sull’immagine dell’impresa. A questi due vantaggi bisogna aggiungerne un altro, per lo più sottovalutato. Attraverso l’ecologia le dinamiche lavorative, appesantite spesso da concorrenze e conflitti, sono stemprate da un sentire comune che diventa anche disciplina benefica. Il lavoratore riacquista così una dimensione e un impegno collettivi che, attraverso l’azienda, lo ricollegano agli altri cittadini e a un destino comune.

Non è raro, infatti, che – acquisita una disciplina ecologica in ufficio – il lavoratore la estenda anche in casa – eliminando le bottiglie d’acqua ed essendo rigoroso nella differenziata – e sia così d’esempio per i propri familiari. Un effetto domino positivo, la cui miccia può essere qualsiasi imprenditore.

IDRIKA di Cristiano Di Natale
Sede Legale: Corso Europa 271/b Villaricca (Na)
C.F. DNTCST70T07F839H | P.IVA 07221161214

© IDRIKA di Cristiano Di Natale – diritti riservati

Site by web agency  Webers