Perché usare l’acqua del rubinetto può nuocere alla salute

acqua-del-rubinetto

Se stai leggendo questo articolo sicuramente qualche dubbio sulla qualità dell’acqua del rubinetto ti è venuto. Quante volte hai sentito che basta bollire l’acqua per renderla migliore? Forse ti ritieni fortunato perché la tua acqua non lascia residui di calcare?

Ti dico subito che se a casa utilizzi dell’acqua del rubinetto per cucinare la pasta, per lavare la frutta e la verdura e preparare il caffè allora è meglio che ti metti comodo e leggi quello che sto per scriverti, perché la verità su questo argomento non te la dirà mai nessuno. Se non lo farai , non dire che non ti avevo avvisato.

L’acqua che scende dai rubinetti di casa contiene sostanze chimiche PERICOLOSE: cloro e fluoruri. Sono due sostanze molto tossiche.

Il cloro ,soprattutto, danneggia le arterie. Infatti sulle lesioni delle arterie si accumula il colesterolo cattivo che causa l’arteriosclerosi.

La giustificazione che più spesso si sente riguardo alla presenza di cloro nell’acqua è che uccide i batteri, ma ciò che si nasconde è che il cloro uccide gli organismi viventi.

IO MI RITENGO UN ORGANISMO VIVENTE! TU?

Quando lo bevi, bevi veleno, in piccole quantità, ma sempre veleno è e non devi ingerirlo per nulla. Tra l’altro non bisogna temere i batteri, siamo esposti a batteri ogni giorno e come ogni persona anziana ci puó insegnare, il nostro sistema immunitario così si rinforza.

Paradossalmente più sei esposto a batteri e virus e più sei in una posizione di vantaggio nei confronti delle malattie.

I fluoruri dall’altra parte sono tossici e non dovresti mai  ingerirli in quanto hanno effetti dannosi sulla tiroide, sul metabolismo e possono persino essere causa di depressione e disturbi gravi ad altri organi.

A questo punto cosa puoi fare?

Da esperto di sistemi di purificazione dell’acqua ti consiglio di effettuare alcuni test per scoprire cosa nasconde l’acqua del tuo rubinetto.

© IDRIKA di Cristiano Di Natale - tutti i diritti sono riservati