Cloro nell’acqua potabile fa male?

Cloro nell’acqua potabile fa male?

Se compri la migliore frutta e verdura  perché non lavarla e cucinarla con acqua pura.

Scopri come avere un’ acqua pura e sicura per bere, cucinare, lavare frutta e verdura direttamente a casa tua

Dai risultati di alcune ricerche giapponesi si è scoperto che il cloro utilizzato per potabilizzare l’acqua che arriva all’ interno delle nostre abitazioni potrebbe causare la nascita di diverse malattie.

Una ricerca in Giappone svolta nell’Istituto Nazionale della Salute e delle scienze e l’università Shizuoka ha decretato che gli organismi viventi biologici quando sono esposti al cloro, presente all’ interno dell’acqua potabile si combinano creando sostanze tossiche dannose indicate con il termine Mutageno Sconosciuto (MX). Infatti si è riscontrato che lavare frutta e verdura, con acqua contenente cloro, degradano al suo contatto perdendo gran parte dei loro elementi nutritivi indispensabili al corpo umano.

Gli “MX” sono conformi ai più celebri composti tossici indicati con il termine Trialometani (THM). Alcune ricerche fatte in Finlandia nel 1997 ci hanno portato alla conclusione che l’MX è 170 volte più dannoso delle altre sostanze tossiche in parte composte da cloro, ed è inoltre stato dimostrato che è dannoso per la tiroide e può anche provocare tumori.

Gli organismi viventi biologici ( frutta, verdura etc… ) potrebbero formare composti dannosi a contatto con il cloro che si trova all’ interno dell’acqua. Alcune sostanze naturali molto importanti per la vita a contatto con l’acqua trattata con il cloro perdono i loro nutrienti indispensabili come ad esempio nutrienti anti-cancro che molto spesso sono contenuti all’ interno dei vegetali e nella frutta.

In conclusione non ce niente di scorretto all’ interno delle sostanze naturali ma l’errore si può verificare nel momento in cui utilizziamo l’ acqua del rubinetto per lavare queste ultime. Il tutto si può eliminare semplicemente cucinando e lavando gli alimenti con acqua priva di cloro o acqua potabile purificata.

Fonte http://www.criticamente.it/

× Scrivimi